Valori

Contro gli abusi sui nonni in famiglia

Contro gli abusi sui nonni in famiglia



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Molte famiglie con bambini ricevono l'aiuto dei nonni. Al giorno d'oggi, i nonni sostituiscono i genitori in molte delle attività che non possono svolgere per mancanza di tempo, come andare a prendere i bambini a scuola, fare merenda, aiutarli a fare i compiti ...

Conciliare lavoro e vita familiare a volte è così complicato che è impossibile arrivare a tutto e i nonni sono un ottimo aiuto quando lo fanno volontariamente, senza sentirsi messi sotto pressione dai figli.

Ed è paradossale che mentre per alcuni bambini il lavoro dei nonni con i nipoti è così importante e vitale, a cui pensano solo come risarcirli, in altre famiglie l'abuso e il maltrattamento in vecchiaia è una realtà. In queste famiglie, gli anziani, che sono vittime di violenza, hanno una maggiore incidenza di problemi di stress, attacchi di ansia, fobie, panico, disturbi di somatizzazione e depressione, la loro integrità è compromessa e si sentono molto vulnerabili.

Va notato che i fattori che rendono la persona anziana vulnerabile agli abusi sono i bassi livelli di reddito economico che la costringe a convivere con altri oa dipendere economicamente da essi, la perdita del ruolo sociale e la scarsa autostima che ne deriva da tutto ciò.

Gli studi sociali che sono stati effettuati su questo problema aggiungono anche un fatto curioso, che li lascia indifesi. In generale, le persone anziane non riconoscono o non identificano di essere state vittime di qualche tipo di abuso e non lo denunciano perché non sanno come farlo, sia per handicap fisico, sia per paura di perdere il sostegno della propria famiglia o per la vergogna di rendere pubblica la loro situazione, ma la causa principale è perché, in generale, è il loro stesso sangue che va denunciato.

I principali abusatori degli anziani sono il 44% dei propri figli adulti, i coniugi rappresentano il 14,6%, l'attuale partner (emotivo e / o sessuale) il 9,7% e altri parenti (nuora, genero) ., ecc.) 17 per cento. È necessario sottolineare che l'età dei bambini aggressori oscilla tra i 26 ei 45 anni e sono maschi per il 68%. Nella sfera familiare, il tipo di violenza che viene utilizzato principalmente contro gli anziani è l'abuso psicologico, fino al 95 per cento. Le aggressioni più frequenti sono gli insulti (85%), l'umiliazione e la svalutazione (66,3%) e le minacce di morte (40%).

L'aggressore è solitamente la persona che "si prende cura di lui" o vive accanto a lui e può essere un familiare, un vicino, un amico o il responsabile di un istituto. Non mi sorprende quindi che la cosa più dolorosa per i nonni sia che gli attacchi provengano dai loro figli o nipoti, che hanno aiutato ad addestrare e nei quali hanno riposto tutte le loro speranze di avere una vecchiaia piacevole ed equilibrata.

Attualmente la coscienza sociale è l'unica cosa che può cambiare questa situazione di mancanza di rispetto per i nonni. La società ha un culto giovanile molto elevato e tende ad escludere ed emarginare le persone anziane. A tutto questo bisogna aggiungere la mancanza di politiche pubbliche, adeguate risorse sociali e sanitarie, senza dimenticare che le pensioni e le pensioni non sono in linea con le esigenze degli anziani. È giunto il momento di cambiare tutto questo, tutti possiamo contribuirvi dalla nostra stessa famiglia.

Marisol New. Editore del nostro sito

Puoi leggere altri articoli simili a Contro gli abusi sui nonni in famiglia, nella categoria Nonni in loco.


Video: BULLISMO PARTE III CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEI CASI DI ABUSO SESSUALE clinica (Agosto 2022).