Valori

Bambini nel giorno dei morti in Messico

Bambini nel giorno dei morti in Messico



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Impressionato e piacevolmente sorpreso ero ieri quando ho visto come il Il giorno dei morti in Messico. Le tombe sono vestite con fiori di diversi colori, fiocchi e fasce di gala per salutare o, direi addirittura "ci vediamo dopo", ai propri cari e ai bambini che partecipano a questa celebrazione proprio come qualsiasi altro membro della famiglia.

Il festival messicano di Il Giorno dei Morti è stato dichiarato dall'Unesco Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità. In questo giorno, le famiglie si radunano intorno alla tomba dei loro parenti e trascorrono l'intera notte sveglia con loro, illuminate da candele. È consuetudine cenare lì, in compagnia, con tutta la famiglia e in mezzo ad un ambiente molto speciale. È anche tradizione intrattenere il defunto con qualcosa da mangiare e da bere, come una birra o un bicchiere di vino, che siano di loro gradimento.

Ed è che in Messico la morte ha un altro significato per i vivi che non ha nulla a che fare con i coloranti funebri. Fa parte della vita stessa e non si tinge di tragedia. Per il viaggiatore, andare in un cimitero in Messico nel Giorno dei Morti è un evento unico. Non avevo mai immaginato niente di simile. Persone di tutte le età, anziani, adulti e bambini ne approfittano per vestirsi, cantare e ballare. È consuetudine vestirsi da goblin, morte, scheletro, vedova ... per celebrare che la morte fa parte della loro vita e per celebrare la morte dei propri cari vivi.

Il ruolo dei bambini in questa cerimonia è naturale. Questa non è una festa per 'adulti'. I bambini vanno con i loro genitori, nonni e zii ogni notte dei morti al cimitero e cantano, mangiano e ballano con loro. In alcuni cimiteri delle principali città, hanno persino allestito un palco per un gruppo musicale per ravvivare la serata.

Il Messico è un paese ricco di cultura e tradizioni, e proprio uno degli aspetti principali che compongono la sua identità di nazione è la sua concezione della vita, della morte e di tutte le tradizioni e credenze che ruotano attorno ad esse. Attorno alla morte si sono sviluppati tutta una serie di riti e tradizioni, sia per venerarla, onorarla, spaventarla e perfino prenderla in giro.

Le origini della celebrazione del Giorno dei Morti in Messico sono antecedenti all'arrivo degli spagnoli. I rituali che celebrano le vite degli antenati si svolgono in queste civiltà da almeno 3000 anni. Nell'era preispanica, i teschi venivano conservati come trofei e venivano esposti durante rituali che simboleggiavano la morte e la rinascita.

La festa, secoli dopo, divenne il Giorno dei Morti. Si celebrava all'inizio di agosto e durava un mese intero. I festeggiamenti erano dedicati alla celebrazione dei bambini, cioè dei neonati deceduti, e alla vita dei parenti defunti. In ogni caso, va notato che questa celebrazione non è tipica di tutti i messicani poiché, nonostante sia una festa che è diventata un simbolo nazionale, ci sono molte famiglie che sono più attaccate a celebrare 'Ognissanti' come fanno in altri paesi cattolici. Inoltre, la forte influenza degli Stati Uniti, soprattutto nelle zone di confine, si manifesta con la festa di Halloween, che ogni anno viene celebrata più frequentemente in un numero maggiore di case.

Puoi leggere altri articoli simili a Bambini nel giorno dei morti in Messico, nella categoria Halloween in loco.


Video: Mamma 21enne uccisa dalla figlia di 2 anni: le ha chiuso il finestrino dellauto sul collo (Settembre 2022).